obesità tv

Tv, computer, vetture a motore e altri dispositivi elettronici rendono più comoda la vita ma favoriscono la sedentarietà portando con sé la nuova peste del nostro secolo.

lucchin

Ridurre le quantità di alimenti, ma anche valutarne la qualità, pretendendo etichette più dettagliate. Le diete fai da te? “Spesso fanno dimagrire solo il portafogli”.

Per i pazienti obesi arriva un nuovo dispositivo che potrebbe aiutarli a perdere peso. E’ il sistema Aspire Assist, mini-invasivo e completamente reversibile, che consente lo svuotamento parziale del contenuto gastrico dopo il pasto, attraverso un processo di aspirazione, praticato per mezzo di un tubo inserito nell’intestino per gastrostomia percutanea. Ad averlo sviluppato sono stati […]

botero picnic

Un incontro di esperienze multidisciplinari e internazionali, guidato dal Cedial di Palermo. Lia Iacoponelli: “Alla base di tutti questi disturbi c’è un problema d’amore”.

Sarebbe un gene il responsabile dell’eccesso di fame e di grasso nel corpo. Proprio così, e i ricercatori della Cambridge University gli hanno dato anche un nome o, meglio, lo hanno identificato. Sarebbe una mutazione del gene Krs2, infatti, a stimolare l’appetito e a rallentare il metabolismo, facilitando l’accumulo di sostanze grasse. Lo studio, emerso […]

obesita

Oggi e domani, al centro congressi Torino Incontra, in occasione dell’Obesity Day si terrà il congresso internazionale “Obesity and related diseases” (Obesità e malattie correlate), organizzato e presieduto da Paolo Cavallo Perin, direttore di Medicina universitaria della Città della salute e della scienza di Torino. Una persona si definisce sovrappeso se ha un indice di massa corporea […]

Crociera Costa Luminosa

Un programma educativo moderno per migliorare la propria salute.

sperimentazione clinica

Potrebbe rappresentare una delle future terapie anti obesità e diabete resistenza.

obesità 3

Dall’Inghilterra la scoperta di un altro gene legato all’obesità.

dimagrireeeeeee...il sogno

Un dispositivo che permette una perdita superiore al 40 per cento dell’eccesso di peso, e soprattutto la remissione clinica del diabete di tipo 2.

Attacco cuore donne

I risultati di uno studio che ha coinvolto 2.990 donne e uomini con attacco cardiaco.

foto

Per bruciare i grassi l’esercizio migliore e’ quello aerobico, come andare in bicicletta, la corsa o il nuoto. Lo afferma uno studio della Duke university pubblicato dal Journal of Applied Physiology, che ha confrontato questo tipo di attivita’ con quella anaerobica e con un mix delle due.

foto

Gli italiani sempre piu’ sovrappeso: hanno problemi di peso, fino alla vera e propria obesita’, oltre quattro italiani su dieci: il 32% degli adulti risulta in sovrappeso, mentre l’11% e’ obeso: complessivamente: quindi, piu’ di quattro adulti su dieci (42%) sono in eccesso ponderale. Sono i dati contenuti nel rapporto sullo Stato Sanitario del Paese, presentato oggi al ministero della Salute.

foto

Una semplice formula potrebbe predire il rischio di diventare obesi nell’infanzia praticamente alla nascita del bambino. Lo studio dell’Imperial College London e’ stato pubblicato sulla rivista PLoS ONE. La formula, disponibile grazie a un calcolatore che si puo’ trovare online, stima il rischio in base al peso alla nascita, all’indice di massa corporea dei genitori, al numero di persone che vivono in casa, alla professione della madre e al suo status di fumatrice oppure no.

foto

L’emicrania fa ingrassare nel 20-30% dei casi, ma anche l’aumento di peso moltiplica gravita’ e durata degli attacchi che rischiano di cronicizzarsi, mentre sono 3-4 milioni gli emicranici italiani obesi o in sovrappeso.

foto

”Trovo alquanto singolare che una Associazione si preoccupi di tutelare soltanto gli interessi economici dei propri associati senza tener conto dei possibili vantaggi, in termini di salute, per i consumatori dei loro prodotti. Ritengo che, in questi anni, i produttori di bibite, rese appetibili con aggiunta, talvolta eccessiva, di zuccheri o dolcificanti, avrebbero potuto e dovuto innovare e riformulare i loro prodotti per contribuire al miglioramento nutrizionale degli stessi, cosa che peraltro e’ gia’ avvenuta con impegni sottoscritti da altre Associazioni di produttori di alimenti”.

foto

Non ha superpoteri il protagonista di un fumetto realizzato dall’Ospedale Pediatrico Bambin Gesu’ di Roma, ma riesce comunque a fare una cosa straordinaria, sconfiggere l’obesita’ infantile. L’opera sara’ distribuita nelle scuole per far conoscere in particolare il problema del fegato grasso, correlato alla patologia, che nel nostro paese gia’ colpisce il 15% dei giovani.

foto

I bambini che sono meno sensibili all’amaro hanno maggiori probabilità di diventare obesi, ma solo se vivono in luoghi in cui e’ difficile procurarsi cibi salutari. Lo studio della Penn State University pubblicato su Obesity ha mostrato che i ragazzi che hanno una variante genetica che li rende meno sensibili a certi composti amari e che vivono in ambiente in cui e’ difficile trovare cibi sani sono a maggior rischio obesita’ rispetto a quelli che invece riconoscono questi sapori.

foto

Una privazione parziale del sonno è legata al rischio di obesità, e nel prescrivere diete e cambiamenti di stile di vita i medici dovrebbero soffermarsi anche su questo punto. Lo afferma uno studio, basato sulla revisione delle ricerche precedenti, pubblicato dal ‘Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics’.

foto

L’obesità infantile sta diventando un problema così grande da entrare, come quella gli adulti, anche nello studio del chirurgo estetico. Il problema e’ emerso durante la presentazione della Fondazione Italiana per la lotta all’obesità infantile oggi a Roma.

foto

Per perdere peso è meglio l’esercizio fisico moderato. Lo ha scoperto uno studio dell’Università di Copenhagen, pubblicato dall’American Journal of Physiology, secondo cui si hanno migliori benefici da mezz’ora di esercizio al giorno rispetto a un esercizio doppio.