Petizione contro il festival della carne di cane in Cina

di oggisalute | 24 maggio 2016 | pubblicato in Attualità
Cane_canile_fg

Una sagra dove il piatto forte è Fido. È il Festival della carne di cane di Yulin in calendario anche quest’anno per il 21 giugno a GuangXi, in Cina. Una manifestazione dove ogni anno migliaia di animali domestici vengono uccisi e cucinati. Per fermare una manifestazione che indigna mezzo mondo, torna forte la mobilitazione nazionale e internazionale.

Se il tabloid britannico The Sun lancia la sua petizione che ha già raccolto oltre 5.000 sottoscrizioni, è appena partita anche in Italia l’ultima sottoscrizione internazionale, lanciata da Andrea Gung negli Usa e diffusa anche in Argentina e Brasile, che ha raggiunto globalmente più di 1,6 milioni di firme.

“Ogni anno, nel solstizio d’estate – si legge nel testo – migliaia di cani vengono catturati per essere mangiati a Yulin, in Cina, durante il Festival della carne di cane. Un numero significativo di cani che vengono uccisi sono animali domestici rubati, o cani da guardia delle famiglie rurali. Permettere al Festival di continuare a esistere significa appoggiare il furto di cani, dando fornitura all’industria della carne di cane”. Non solo. “I cani venduti sul mercato sono animali malati, avvelenati e morenti. Durante i lunghi viaggi, questi cani vivono in condizioni orrende, trascorrono giorni senza acqua e cibo e possono essere portatori di malattie contagiose”.

Lascia un commento

also read

https://surrogacycmc.com

инъекционная косметология