Pesce scaduto da un anno, sequestro di 1,5 tonnellate

di oggisalute | 25 luglio 2018 | pubblicato in Attualità
pesce

Una tonnellata e mezza di prodotti ittici sequestrati e 3.500 euro di sanzioni elevate. E’ questo il bilancio di un controllo svolto ieri a Cecina dalla Guardia Costiera livornese presso un centro di lavorazione e vendita all’ingrosso di pesce fresco e congelato.

Il nucleo ispettori pesca della Direzione marittima della Toscana ha passato al setaccio i magazzini di stoccaggio della merce ed esaminato le informazioni sulla tracciabilità dei prodotti conservati. L’attenzione dei militari si è concentrata sulla documentazione relativa alla provenienza delle varie specie ittiche e la completezza delle informazioni per gli acquirenti. L’ispezione ha permesso di individuare una partita di 1.400 kg di calamari, polpi, orate e branzini priva di certificazione e gran parte della merce congelata riportava in etichetta date di scadenza superate da quasi un anno. E’ scattato pertanto il sequestro della merce per evitare che finisse sulle tavole di ignari consumatori, e al titolare dell’esercizio commerciale sono state notificate sanzioni amministrative per un ammontare di 3500 euro.

L’attività di controllo dei militari agli ordini dell’ammiraglio Giuseppe Tarzia, effettuata a tutela delle risorse ittiche e della sicurezza alimentare proseguirà e si intensificherà nel corso della stagione estiva, “privilegiando particolarmente le modalità di somministrazione presso gli stabilimenti balneari: esercizi commerciali dove purtroppo – è il monito – prodotti contraffatti come quelli sequestrati finiscono e vengono spacciati per freschi, e dove i sistemi di preparazione e confezionamento non sempre rispondono ai requisiti igienici richiesti”.

(Fonte: Adnkronos)

Lascia un commento

代孕母费

дизайн интерьера офиса

дизайн офиса