Farmaci

Psoriasi, ne soffrono tre italiani su cento: nuova “arma” terapeutica

di oggisalute | 28 maggio 2018 | pubblicato in Attualità
psoriasi

Tre italiani su cento soffrono di psoriasi, malattia infiammatoria cronica della cute, tra questi il 30% sviluppa una patologia di entità moderata o grave. Una malattia, la psoriasi, spesso sottovalutata – che si manifesta con placche eritemato-squamose localizzate principalmente sulle superfici di gomiti e ginocchia, regione lombosacrale, cuoio capelluto e regioni palmo-plantari – che compromette la quotidianeità del paziente con infiammazioni e dolori cronici, difficile da contrastare. I malati hanno ora una nuova opzione terapeutica, rimborsabile dal Ssn: Otezla* (apremilast) di Celgene indicata per la psoriasi cronica a placche, da moderata a grave, in pazienti adulti.

Il farmaco orale è una ‘piccola molecola’ che, grazie ad un meccanismo d’azione intracellulare unico, funge da inibitore orale della fosfodiesterasi 4 (PDE4), controllando i mediatori pro.infiammatori e antinfiammatori coinvolti nella psoriasi e nell’artrite psoriasica. La sua azione mira alla “riprogrammazione delle cellule” su cui opera, e permette una nuova frontiera nel trattamento dei pazienti che presentano una patologia moderata, che spesso non possono essere trattati con altre terapie perchè poco efficaci o mal sopportate. Ad esempio, “esistono evidenze che dimostrano una particolare indicazione di apremilast nei pazienti che soffrono di sindrome metabolica”, spiega Giampiero Girolomoni, direttore della Clinica dermatologica dell’università di Verona e presidente del 93esimo Congresso della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST), svoltosi a Verona, che ha sottolineato quanto sia importante il giusto trattamento nella storia di un paziente che affronti una patologia cronica e complessa come la psoriasi.

“La somministrazione per via orale, due volte al giorno” risulta essere un’ottima base di partenza per il trattamento della malattia, che in Italia viene affrontata con efficacia soprattutto nei grandi centri. “In Veneto l’accesso alle cure è abbastanza facile anche se, come capita in altre regioni italiane, è un po’ a macchia di leopardo”, spiega Girolomoni, a margine del Congresso veronese.

“Nei piccoli centri periferici, infatti – spiega – i pazienti riscontrano maggiori difficoltà nel dialogo con il proprio medico di base, che spesso non è disposto ad adeguarsi all’intensità e alle particolarità della sua patologia. Apremilast può intervenire proprio in questi casi, dove la psoriasi è un problema quotidiano ma, quando moderata, non del tutto invalidante. Il farmaco – conclude l’esperto- permette infatti un trattamento rapido, che non deve essere approvato da esami o screening, e che si adatta alle esigenze del paziente senza effetti collaterali su altre patologie concomitanti a quella originaria”.

(Fonte: Adnkronos)

Lascia un commento

https://steroid-pharm.com

https://bestseller.reviews

www.swiss-apo.com/