La Radiologia dell’ospedale Gaslini riceve riconoscimento europeo

di oggisalute | 10 maggio 2018 | pubblicato in Attualità
Schermata 2018-05-10 alle 16.03.41

La Radiodiagnostica dell’ospedale “Giannina Gaslini” di Genova ha ottenuto un importante riconoscimento a livello europeo: la European Society of Radiology, tramite EuroSafe Imaging, ha infatti conferito il massimo punteggio (cinque stelle) all’Unità operativa complessa diretta dal dottor Gian Michele Magnano.

Si tratta di una certificazione volontaria, di durata triennale, sulla qualità delle apparecchiature Rx e sul loro corretto utilizzo, dove per corretto utilizzo si intende l’ottenere il miglior risultato diagnostico possibile erogando una bassa dose radiante.

In Europa sono pochissimi gli ospedali pediatrici che hanno ottenuto questa certificazione  voluta e ottenuta dal dottor Gian Michele Magnano, responsabile della Radiodiagnostica dell’Istituto Gaslini, e dai dottori Claudio Granata responsabile medico per la Radioprotezione e Marco Ciccone responsabile tecnico della Radiologia dell’istituto, a cui vanno i complimenti e i doverosi ringraziamenti” spiega il direttore generale Paolo Petralia.

Per il Gaslini la sicurezza dei piccoli pazienti è prioritaria e non si limita solo alla bassa dose erogata, ma comprende anche corretta informazione, uniformità di approccio e umanizzazione degli iter diagnostici.

“Questa certificazione – spiega Magnano – è il riconoscimento ufficiale dell’utilizzo della minore quantità di raggi X possibile per fare diagnosi in TC e Radiologia Convenzionale. Le cinque stelle attestano anche   che tutto il personale è aggiornato sulle migliori tecniche di radioprotezione e utilizza protocolli realizzati per i bambini, basati proprio sulla  esperienza degli operatori che ogni anno eseguono circa 70.000 esami esclusivamente pediatrici”.

“Facciamo periodica revisione e controlli di qualità sugli esami di diagnostica per immagini, anche attraverso un applicativo informatico dedicato. Partecipiamo a ricerche scientifiche in rete con altre strutture pediatriche europee e società scientifiche radiologiche per l’ottimizzazione della diagnostica per immagini, il che, – conclude – in ultima analisi significa personalizzazione della dose radiante e integrazione tra le diverse tecniche di imaging”.

Lascia un commento