Ricerca pubblicata su "Science"

Influenza: dal primo ceppo che si contrae da piccoli dipende il futuro

di oggisalute | 14 novembre 2016 | pubblicato in Attualità
influenza_fg

Le probabilità di una persona di prendere l’influenza sono, almeno in parte, determinate dal primo ceppo di malanno stagionale contratto da piccoli. Lo suggerisce una ricerca pubblicata sulla rivista ‘Science’ da esperti dell’Università dell’Arizona a Tucson e della University of California a Los Angeles (Usa): il team ha esaminato 18 ceppi di influenza A e la proteina emoagglutinina presente sulla loro superficie.

Secondo gli scienziati esistono solo due tipi di questa proteina e un individuo risulta protetto da quello che il suo corpo incontra per primo, restando poi a rischio nei confronti dell’altro. E per gli studiosi, tutto questo potrebbe spiegare perché alcuni focolai di influenza causano più morti e malattie gravi nelle persone più giovani.

La prima volta che il sistema immunitario di una persona incontra un virus dell’influenza, produce anticorpi rivolti all’emoagglutinina, una proteina recettore posta sulla superficie del virus. Anche se ci sono 18 tipi di influenza A, esistono solo due versioni di emoagglutinina. I ricercatori guidati da Michael Worobey, li hanno classificati come blu e arancione, come fossero “gusti di una caramella”.

E secondo le loro analisi le persone nate prima del 1960 sono state esposte alla versione ‘blu’ dei virus influenzali – H1 o H2 – da bambini. Più tardi nella vita raramente si sono ammalate di un’altra influenza ‘blu’ come l’aviaria H5N1, ma possono essere morte a causa dell’H7N9, ‘arancione’. I nati dopo gli anni ’60 seguono il modello opposto. I ricercatori hanno calcolato un tasso di protezione del 75% dall’infezione e dell’80% da complicanze mortali in caso di virus con la stessa proteina dei ceppi che li hanno infettati quando erano bambini.

(Fonte: Andkronos)

Lascia un commento

читать дальше biceps-ua.com

ссылка

У нашей фирмы нужный веб портал про направление Купить Камагра 100 мг.