Gesto simbolico per sensibilizzare i cittadini

I medici di famiglia si vaccinano
in massa contro l’influenza

di oggisalute | 9 novembre 2015 | pubblicato in Attualità
Una dose di vaccino

Per sensibilizzare i cittadini e far capire loro l’importanza dell’immunizzazione, i medici di famiglia si vaccinano in massa contro l’influenza.  Almeno cinquecento dosi di vaccino saranno distribuite grazie alla collaborazione del Direttore del Dipartimento della Prevenzione del Ministero della Salute, Raniero Guerra, durante il 32° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), che si svolgerà a Firenze dal 26 al 28 novembre.

Molte altre dosi potranno essere rese disponibili grazie alla collaborazione delle aziende produttrici. “Lanciamo la campagna ‘Noi ci vacciniamo’ – spiega Claudio Cricelli, presidente SIMG -. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un calo preoccupante del numero di cittadini vaccinati, a fronte di un’offerta che è rimasta invariata. Si stima che solo il 20% degli operatori sanitari (medici e infermieri) si protegga, un dato decisamente troppo basso tra chi dovrebbe essere ben consapevole dell’efficacia del ‘cordone di sicurezza’ creato dalla profilassi. Per questo la nostra Società scientifica vuole rappresentare un esempio e stimolare camici bianchi, pazienti e Istituzioni. Il virus è già stato isolato lo scorso 9 ottobre, la campagna vaccinale inizierà ufficialmente a metà novembre e proseguirà fino a Natale”.

Nel corso dell’ultima stagione (2014-2015) sei milioni di italiani sono stati colpiti dal virus. Ma le vaccinazioni sono calate di oltre il 20% rispetto al 2013. Con conseguenze evidenti: si sono registrati 485 casi di complicanze gravi e 160 decessi (segnalati da 19 Regioni e Province Autonome). E la maggior parte di queste situazioni si è verificata in cittadini non vaccinati. In generale l’andamento delle coperture dal 1999-2000 al 2014-2015 mostra come nell’ultima stagione sia stato fatto un salto indietro di quindici anni tornando al livello di copertura raggiunto nel 2000-2001.

“Di solito il 10-20% dei malati va incontro a complicanze, più o meno impegnative – continua Cricelli -. Non possiamo prevedere la pericolosità dei virus che circoleranno nei prossimi mesi. L’impatto della malattia dipende dalla percentuale della popolazione protetta. Il vaccino rappresenta l’arma principale per la prevenzione ed è raccomandato a tutte le categorie a rischio: adulti con più di 65 anni, bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti affetti da patologie croniche, cardiovascolari e respiratorie. Desideriamo ringraziare il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e l’Assessore alla Salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi, che ha sostenuto la nostra proposta sin dall’inizio offrendo l’indispensabile supporto logistico della Regione Toscana”. “Vogliamo vaccinare fino al 95% della popolazione ‘fragile’ – conclude Cricelli -, il traguardo minimo è il 75%, come sottolineato nel Piano nazionale della Prevenzione Vaccinale. Ricordiamo che negli over 65 la copertura di solito si attesta poco sopra il 50%. La nostra campagna vuole anche sfatare i falsi miti che spesso circondano la vaccinazione. In questo senso ci attendiamo di produrre processi di emulazione positivi”.

Lascia un commento

www.pills24.com.ua

http://steroid-pharm.com

https://steroid-pharm.com