L'autore insegna alla California State University

‘I-Disorder’: in un libro la tecnologia che crea dipendenza

di oggisalute | 21 settembre 2012 | pubblicato in Dipendenze
foto

Si chiamano ‘I-Disorder’, dal titolo dell’ultimo manuale (IDisorder – Understanding Our Obsession With Technology and Overcoming Its Hold on Us, ed. Palgrave MacMillan) dello psicologo californiano Larry Rosen, che è diventato un bestseller e indicano le tecno-patologie, un mix di disagi a cui si va incontro stando inchiodati tutto il giorno alla scrivania, ventiquattr’ore su ventiquattro tra pc, smartphone e tablet, spesso usati in contemporanea.

Lo psicologo, che insegna alla California State University, analizza le piu’ comuni, a cominciare dalla ‘phantom vibration syndrome’, la vibrazione fantasma, in cui si ha l’errata percezione che il cellulare nella tasca stia vibrando, persino se è appoggiato sul tavolo. Il ‘Google effect’, invece, consiste nella crescente incapacità di memorizzare nuove informazioni (ma anche indirizzi, numeri di telefono) nell’illusione di poterli facilmente recuperare su Google o sui contatti del cellulare.

La cosiddetta deviazione del ‘meformer’ è tipica di chi passa tutto il tempo su Twitter cercando informazioni su se stesso, mentre la ‘Facebook depression’ coglie sempre più spesso gli utenti dei social network. E crea una vera e propria dipendenza, come quella dalle sigarette, dando origine a dei disagi fisici, come insonnia, ansia e danni alla vista.

Tant’e’ vero che Rosen consiglia di smettere gradualmente, dandosi un tempo massimo al giorno per consultare Facebook. Ancora, usare di più gli sms o il telefono per sentire gli amici e, al limite, la posta elettronica: questi sono piccoli passi che, con costanza e determinazione, possono aiutare a guarire dalla dipendenza.

Secondo uno studio condotto dall’Università di Bonn e pubblicato sul Journal of Addiction Medicine pare che siano le donne più inclini a soffrire di ‘i-Disorder’ rispetto agli uomini e la ragione non sarebbe solo psicologica ma genetica. L’indagine tedesca ha coinvolto 843 persone di entrambi i sessi per valutare la loro inclinazione a utilizzare il web e quanto questo influisse sulla loro vita. In questo gruppo i ricercatori hanno contato 132 persone con una spiccata dipendenza da Internet.

Le loro caratteristiche sono state confrontate con un gruppo di persone ‘sane’ e l’analisi ha mostrato che chi era dipendente era prevalentemente di sesso femminile e aveva una probabile predisposizione genetica. I ricercatori, nonostante siano soddisfatti dei risultati conseguiti, sostengono che sono necessari ulteriori studi prima di decretare che ci sia davvero una matrice genetica e soprattutto femminile. E’ assodato, tuttavia, che le donne sono davvero tra le maggiori utilizzatrici assidue dei servizi presenti su internet, primo tra tutti lo shopping on line.

Lascia un commento

http://biceps-ua.com

farm-pump-ua.com/turinabol.html

www.pills24.com.ua